Ti trovi in: Home » Prodotti » Varietà » Malvasia del Chianti
Condividi su  Facebook Condividi su  Twitter Consiglia la pagina

Malvasia del Chianti

La Malvasia del Chianti o Malvasia bianca lunga fa parte del grande gruppo delle Malvasie: vitigni di origini diverse, ma che presentano, più o meno, una fragranza piccante di muschio e di albicocca e residui zuccherini alti. La Malvasia del Chianti viene coltivata principalmente in Toscana, ma anche in Veneto, Abruzzo, Puglia, Lazio e Umbria. La sua uva si presta sia per la produzione di spumanti che di passiti, ma in particolare la Malvasia del Chianti, abbinata al Trebbiano, Sangiovese e Canaiolo, fa parte della ricetta originale del Chianti.

Località geografica: Toscana

Epoca di maturazione: media, III epoca

Patogeni

Clone

Botrite

Sensibile

Oidio

Sensibile


Caratteristiche Ampelografiche:

  • Foglia medio-grande o grande, pentagonale, quinquelobata e talvolta eptalobata; pagina superiore glabra, di color verde bottiglia, mediamente brillante; pagina inferiore fortemente aracnoidea o lanuginosa, di color grigio-verde chiaro con nervature un po' rosate alla base; lembo leggermente a gronda, bolloso e ondulato; lobi molto marcati, piegati leggermente a gronda; denti pronunciati
  • Grappolo grande, allungato, piramidale, solitamente con due ali, compatto
  • Acino medio-piccolo, sferoidale; buccia pruinosa di colore verdognolo paglierino dorato, abbastanza resistente e mediamente consistente; polpa a sapore gradevole e caratteristico
Chiedi informazioni Stampa la pagina