L'Aleatico è un vitigno introdotto in Italia probabilmente dai Greci, ed oggi viene coltivato soprattutto in Toscana e Lazio. Alcuni dei suoi numerosi sinonimi sono: “Uva liatica”, “Leatico”, “Aliatico”, “Agliano”, “Liatico”, “Agliatico”, “Aleatico gentile” e anche “Lacrima Christi”. L'Aleatico può essere considerato una mutazione del Moscato, infatti l'aroma dell'acino richiama molto l'aroma fruttato e dolce del Moscato.

Località geografica:  Toscana

 

Epoca di maturazione: medio-tardiva, II-III decade di settembre 

 

Patogeni 
 Clone
Botrite Normale
Oidio Normale


Caratteristiche Ampelografiche:

  • Foglia media, pentagonale od orbicolare, trilobata ma anche quinquelobata, di colore verde cupo, lembo piano leggermente bolloso, pagina inferiore glabra
  • Grappolo medio, cilindrico allungato con un'ala
  • Acino medio e sferoidale; con buccia blu scura, di medio spessore e molto pruinosa; polpa aromatica simile al moscato